Scroll to top
© 2020, Parco Archeologico Urbano della Città di Napoli

Il porto di Neapolis in età greca e romana: analisi degli scambi, della mobilità e della circolazione delle merci nel quadro del commercio marittimo europeo


test

Il progetto

Il progetto intende analizzare, attraverso lo studio di materiale edito e inedito, il ruolo di Neapolis come città portuale dalla sua fondazione (ultimi decenni del VI sec. a.C.) al V sec. d.C., ponendosi come obiettivo finale l’individuazione e lo sviluppo di un “racconto archeologico” imperniato sull’eccezionale contesto di Piazza Municipio.

Il punto di partenza è rappresentato dal porto antico di Neapolis, collocato nell’ampia insenatura compresa tra Piazza Municipio e Piazza Bovio, entro un bacino riparato esteso da Piazza Municipio a Via Medina. Le strutture e trasformazioni del porto sono state ricostruite grazie a un imponente progetto decennale di realizzazione di “stazioni dell’archeologia” della Metropolitana che ha integrato archeologia, architettura e arte contemporanea, fornendo alla comunità napoletana la più grande opera infrastrutturale e di riqualificazione della città.

Le indagini archeologiche, cominciate nel 1999 e tuttora in corso, hanno contribuito alla conoscenza della fascia costiera di Napoli dal punto di vista geomorfologico, archeologico e storico-artistico, ricostruendo le trasformazioni della linea di costa e l’alternarsi di interventi di sistemazione o risistemazione del bacino portuale e delle aree limitrofe.

Ricostruzione della linea di costa tra Parthenope e Neapolis in età ellenistico-romana con la localizzazione delle aree di scavo delle stazioni della linea 1 della metropolitana e i principali rinvenimenti archeologici (da Giampaola 2010)

La ricerca è articolata in 3 step:

1) raccolta bibliografica e messa in sistema dei dati noti dall’edito;

2) studio di un complesso di materiali archeologici da Piazza Municipio;

3) individuazione e sviluppo di filoni narrativi per la Disseminazione.

STEP 1: raccolta bibliografica e messa in sistema dei dati noti dall’edito

Le fasi d’uso del porto sono state fissate cronologicamente grazie allo studio della cultura materiale, fondamentale anche per la ricostruzione di scambi, mobilità e circolazione delle merci a Neapolis nel quadro dei traffici marittimi a scala mediterranea.

Tuttavia, l’imponente opera ellenistica di dragaggio ha determinato la distruzione dei fondali formatisi in epoche precedenti, non permettendo, di fatto, la lettura delle fasi d’uso del porto per l’età tardo-arcaica e classica, anche in assenza di evidenze strutturali contestuali.

A questo proposito, lo scavo di una ridotta sequenza di fondali non sconvolti dai dragaggi nel settore più esterno del bacino ha consentito di recuperare materiali archeologici di notevole valore. La loro importanza è determinata dal fatto che si tratta di materiale in giacitura primaria, dunque fortemente indicativo del contesto, e dalla collocazione cronologica, compresa tra l’ultimo quarto del VI sec. a.C. e la fine del V sec. a.C., periodo corrispondente alle fasi perdute a causa dei dragaggi. Essi sono divenuti oggetto dello step 2 della ricerca.

Attraverso la raccolta bibliografica, costituita da articoli su riviste scientifiche e su volumi miscellanei, atti di convegni, saggi e schede di catalogo, è stato possibile recuperare e mettere in sistema i dati noti per l’antico porto di Neapolis, frutto, a loro volta, dell’elaborazione e interpretazione di una enorme mole di informazioni archeologiche acquisite grazie ai lavori di realizzazione della Stazione Municipio (linee 1, 6).

Ne è derivata una sintesi che, partendo dai principali rinvenimenti strutturali e materiali, evidenzia in ottica diacronica le trasformazioni intervenute dagli inizi III sec. a.C. – periodo al quale risale un complesso sistema di dragaggi per la risistemazione del bacino – al V sec. d.C., quando un progressivo impaludamento determina lo spostamento del porto a sud-est.

Nel mezzo si collocano rinvenimenti eccezionali, tra i quali sette relitti datati in un range complessivo compreso tra fine IV/inizi III sec. a.C. e fine II/inizi III sec. d.C., un molo di età augustea conservato per 360 m2 e oggetti legati all’uso quotidiano del bacino portuale, come corde, ceste o calzari.

STEP 2: studio di un complesso di materiali archeologici da Piazza Municipio

I complesso di materiali dai fondali non dragati di Piazza Municipio è composto per lo più da frammenti vascolari parzialmente editi e già oggetto, da parte di chi scrive, di una pre-catalogazione avvenuta nel corso del 2017.

L’approfondimento è avvenuto tramite lo studio diretto su un totale di circa 1420 frammenti, sottoposti a revisione e a schedatura dettagliata dei singoli manufatti più significativi e identificabili, descritti da un punto di vista morfologico, tecnico e tecnologico, talora anche con l’ausilio di uno stereomicroscopio trinoculare a luce riflessa.

A ciò ha fatto seguito uno studio bibliografico finalizzato all’inquadramento cronologico e culturale dei materiali; tutte le informazioni così elaborate confluiranno, in formato di scheda RA inventariale, nel Distretto DatabencArt.

Coppa fenicia dai fondali non dragati di Piazza Municipio (edita in Del Vecchio 2017)

STEP 3: individuazione e sviluppo di filoni narrativi per la Disseminazione

L’approfondimento sui materiali diviene base di riflessione per delineare un quadro globale che aggiunge nuovi dati a quelli noti per le fasi ellenistica e romana, utili a chiarire scambi, mobilità e circolazione delle merci anche per le fasi meno conosciute del porto di Neapolis. Il complesso di informazioni derivate dagli step 1 e 2 costituisce, dunque, il fondamento per una lettura d’insieme della problematica archeologica di partenza, consentendo di progredire verso l’ultimo step del percorso di ricerca.

Esso, in corso d’opera, riguarda l’individuazione e lo sviluppo di filoni narrativi funzionali a un “racconto archeologico” sul porto di Neapolis attraverso la selezione di temi da divulgare secondo modalità in via di definizione. La scelta è ricaduta su tre tematiche, ritenute più suggestive e narrabili in maniera articolata grazie alla combinazione dei dati acquisiti dagli step 1 e 2:

  • Il porto di Neapolis: strutture e fasi. Ci si focalizzerà sulla storia del porto antico di Neapolis, integrando realtà archeologica, fonti letterarie e dati storiografici.
  • Il porto di Neapolis: la vita quotidiana. Si mostrerà uno spaccato delle attività quotidiane del porto, lette attraverso gli eccezionali resti di oggetti di uso comune.

Il porto di Neapolis: i commerci. Grazie allo studio della cultura materiale sarà possibile tracciare una “geografia” degli scambi commerciali tra Neapolis e gli altri centri del Mediterraneo antico.

BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO (parziale)

  1. Amato, C. Guastaferro, A. Cinque, V. di Donato, P. Romano, M. R. Ruello, S. Perriello Zampelli, C. Morhange, E. Russo Ermolli, G. Irollo, V. Carsana, D. Giampaola, “Ricostruzioni morfoevolutive nel territorio di Napoli. L’evoluzione tardo pleistocenica-olocenica e le linee di riva di epoca storica”, in Méditerranée, No 112 (2009), pp. 23-31
  2. Amodio, S. Caldarone, R. Esposito, I. Faga, S. Febbraro, R. Laurenza, R. Pappalardo, R. Pierobon Benoit, L. Pugliese, “Il progetto <<ceraNEApolis>>: un sistema informativo cartografico delle produzioni ceramiche a Neapolis (IV a.C.-VII d.C.)”, in Archeologia e Calcolatori, 28, 2017, pp. 29-47
  3. Amodio, S. Caldarone, R. Esposito, I. Faga, S. Febbraro, R. Laurenza, R. Pappalardo, R. Pierobon Benoit, L. Pugliese, “Carta archeologica delle produzioni ceramiche a Neapolis (IV a.C.–VII d.C.): uno strumento per la lettura e la fruizione del paesaggio culturale della città antica”, in A. Aveta, B. G. Marino, R. Amore (a cura di), La Baia di Napoli. Strategie integrate per la conservazione e la fruizione del paesaggio culturale, vol. I, Napoli 2017, pp. 463-468
  4. Boetto, V. Carsana, D. Giampaola, “Il porto di Neapolis e i suoi relitti”, in X. Nieto, M. A. Cau (a cura di), Arqueologia Nàutica Mediterrànea, Girona 2009, pp. 457-470
  5. Boetto, V. Carsana, D. Giampaola, “I relitti di Napoli e il loro contesto portuale”, in S. Medas, M. D’Agostino, G. Caniato (a cura di), Archeologia storia etnologia navale. Atti del I convegno nazionale Cesenatico – Museo della Marineria (4-5 aprile 2008), Navis 4 2010, pp. 115-122
  6. Carsana, “Le strutture portuali di Neapolis in età imperiale”, in Les ateliers de la Méditerranée. The ports and port environments of the Ancient Mediterranean, Naples 17-18 June 2019, c.s.
  7. Carsana, S. Febbraro, D. Giampaola, C. Guastaferro, G. Irollo, M. R. Ruello, “Evoluzione del paesaggio costiero tra Parthenope e Neapolis, in Méditerranée, No 112 (2009), pp. 15-22
  8. Cavalieri Manasse, H. von Hesberg, “Dalle decorazioni architettoniche ai monumenti romani”, in Napoli. La città e il mare. Piazza Bovio tra Romani e Bizantini, Catalogo della Mostra (Napoli, Museo Archeologico Nazionale 21 maggio – 20 settembre 2010), Verona 2010, pp. 27-50
  9. d’Agostino, D. Giampaola, “Osservazioni storiche e archeologiche sulla fondazione di Neapolis”, in W. V. Harris, E. Lo Cascio (a cura di), Noctes Campanae, Studi di storia antica e archeologia dell’Italia preromana e romana in memoria di Martin W. Frederiksen, Napoli 2005, pp. 63-72
  10. De Caro, D. Giampaola, “La metropolitana approda nel porto di Neapolis”, in Civiltà del Mediterraneo, Anno II (VII), NN. 4-5, Giugno 2004, pp. 49-64
  11. Del Vecchio, “Neapolis, materiali dai fondali del porto”, in M. Osanna, C. Rescigno (a cura di), Pompei e i greci. Catalogo della mostra (Pompei, 11 aprile-27 novembre 2017), Milano 2017, pp. 158-165
  12. Giampaola, “Da Palepoli a Neapolis: lo strutturarsi del fronte costiero”, in La Magna Grecia nel Mediterraneo in età arcaica e classica. Forme, mobilità, interazioni, Atti del LVIII Convegno Internazionale di Studi sulla Magna Grecia, Taranto, 27-30 settembre 2018, c.s.
  13. Giampaola, “Napoli: archeologia e città” http://www.bibar.unisi.it/sites/www.bibar.unisi.it/files/testi/testiqds/q53-54/urban_10.pdf
  14. Giampaola, “Archeologia e città. La ricostruzione della linea di costa”, in TeMA, vol. 2, No 3 settembre 2009, pp. 37-46
  15. Giampaola, “Il paesaggio costiero di Neapolis tra Greci e Bizantini”, in Napoli. La città e il mare. Piazza Bovio tra Romani e Bizantini, Catalogo della Mostra (Napoli, Museo Archeologico Nazionale 21 maggio – 20 settembre 2010), Verona 2010, pp. 17-26
  16. Giampaola, “Il porto di Neapolis: Archeologia e Topografia”, in L. Girón Anguiozar, M. Lazarich González, M. da Conceiçao Lopes (a cura di), Actas del I Congreso Internacional sobre Estudios Cerámicos. Homenaje a la Dra. Mercedes Vegas (Cádiz, del 1 al 5 de noviembre de 2010), Cadiz 2013, pp. 993-1006
  17. Giampaola, “Neapolis, graeca urbs, al tempo di Augusto”, in T. Cinquantaquattro, C. Capaldi, V. Sampaolo (a cura di), Augusto e la Campania. Da Ottaviano a divo Augusto 14- 2014 d. C., Milano 2014, pp. 24-27
  18. Giampaola, “Approdare. Parthenope, Neapolis e il suo porto”, in M. Osanna, C. Rescigno (a cura di), Pompei e i greci. Catalogo della mostra (Pompei, 11 aprile-27 novembre 2017), Milano 2017, pp. 207-213
  19. Giampaola, V. Carsana, “La fascia costiera di Napoli: dallo scavo al museo della città”, in Comunicare la Memoria del Mediterraneo, Atti del Convegno Internazionale di Pisa 29-30-10-2004, Napoli/Aix-en-Provence 2007, pp. 205-215
  20. Giampaola, V. Carsana, “Le nuove scoperte: la città, il porto e le macchine”, in E. Lo Sardo (a cura di), Eureka! Il genio degli antichi, Napoli 2005, pp. 116-119
  21. Giampaola, V. Carsana, “Fra Neapolis e Parthenope: il paesaggio costiero e il porto”, in D. J. Blackman, M. C. Lentini (a cura di), Ricoveri per navi militari nei porti del Mediterraneo antico e medievale. Atti del Workshop, Ravello, 4-5 novembre 2005, Bari 2010, pp. 119-129
  22. Giampaola, V. Carsana, G. Boetto, F. Crema, C. Florio, D. Panza, B. Pizzo, C. Capretti, G. Galotta, G. Giachi, D. Macchioni, M. P. Nugari, M. Bartolini, “La scoperta del porto di “Neapolis”: dalla ricostruzione topografica allo scavo e al recupero dei relitti”, in Archeologia maritima mediterranea: International Journal on Underwater Archaeology, 2, 2005, pp. 47-91
  23. Giampaola, S. Febbraro, A. De Bonis, V. Guarino, V. Morra, C. Grifa, A. Langella, “The Pottery Workshop Area at Piazza Nicola Amore, Naples. Black-glaze and Common Ware Production: Archaeology and Archaeometry”, in G. Greco, L. Cicala (a cura di), Archaeometry. Comparing Experiences, Pozzuoli 2014, pp. 89-108
  24. Giampaola, U. Carughi, G. Giordano, “I cantieri della metropolitana di Napoli: dagli scavi ai progetti di valorizzazione”, in A. Pontrandolfo, M. Scafuro (a cura di), Dialoghi sull’archeologia della Magna Grecia e del Mediterraneo. Atti del I Convegno Internazionale di Studi (Paestum, 7-9 settembre 2016), Paestum 2017, pp. 1331-1346

Napoli antica. Catalogo della mostra nel Museo archeologico nazionale (Napoli, 26 sett. 1985 – 15 aprile 1986), Napoli 1985

B. Roncella, “I magazzini”, in Napoli. La città e il mare. Piazza Bovio tra Romani e Bizantini, Catalogo della Mostra (Napoli, Museo Archeologico Nazionale 21 maggio – 20 settembre 2010), Verona 2010, pp. 63-68m

ASSEGNISTA DI RICERCA:

ANNA RITA RUSSO

RESPONSABILE SCIENTIFICO:

FAUSTO LONGO

Related posts